Potentilla argentea

Cinquefoglie bianca

Potentilla argentea

Descrizione

Pianta erbacea perenne, assai polimorfa, alta 20-30 cm, munita di un rizoma robusto; fusti prostrato-ascendenti, legnosi alla base e spesso arrossati, sparsamente pubescenti per peli semplici, bianco-tomentosi in alto.
Foglie della rosetta effimere, generalmente non presenti alla fioritura; le inferiori lungamente picciolate; le superiori subsessili. Lamina palmato-digitata, divisa in 5(3) segmenti stretti, cuneati alla base e profondamente incisi nella metà superiore in 2-7 grossi denti disuguali; i segmenti sono subcoriacei, revoluti al margine, verdi e subglabri nella pagina superiore, in quella inferiore con densa pelosità appressata di peli cotonosi increspati (senza peli stellati) che danno un aspetto candido bianco-tomentoso; stipole intere o appena dentate, strettamente triangolari (1 x 4 mm).
Infiorescenza in cime multiflore corimbiformi con piccoli fiori (6-12 mm Ø) ermafroditi.
Calice con 5 sepali triangolari, conniventi nella fruttificazione; epicalice (calicetto) con 5 segmenti lineari-lanceolati, alterni ai sepali, lunghi ± quanto i sepali.
Corolla con 5 petali gialli di 4-7 mm, non coprentisi, poco smarginati, subeguali al calice o poco più lunghi.
Stami 10. Ovario supero pluricarpellare apocarpico. Stilo ingrossato alla base, filiforme in alto.
Il frutto è un poliachenio (acheneto) con acheni ovoidi, giallastri e rugosi.

Forma Biologica

H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Periodo Fioritura

Giugno - Agosto

Etimologia

Il nome del genere deriva dal latino 'potens, -entis', potente, poderoso, con allusione alle virtù medicinali che venivano attribuite ad alcune specie di questo genere. L'epiteto specifico dal lat. 'argenteus, -a, um', argenteo, con riferimento al tomento argenteo nella pagina inferiore delle foglie e sui fusti.

Ambiente e Distribuzione

Prati aridi xerici, rupi soleggiate, muri, preferibilmente su substrato siliceo (acido), da 0 a 1200 (raramente 1900 m) m s.l.m.

Distribuzione Globale

Circumbor. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Europa, Asia e Nordamerica.

Mappa di Distribuzione

Proprietà ed Utilizzi

Nessuno in particolare

Note e Curiosità

Nessuno in particolare
Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Principali Fonti: infoflora e actaplantarum

it_IT